“Falso in bilancia”: estate con Selvaggia

Se i bestseller Dieci piccoli infami e Casi umani vi hanno strappato più di un sorriso e di una riflessione, quest’estate Selvaggia Lucarelli saprà intrattenervi con un nuovo e divertente romanzo appena pubblicato da Rizzoli: “Falso in bilancia” (pp 200, euro 17). Sottotitolo: Storia di una donna che preferisce entrare in una pasticceria che in una taglia 40…

Cosa succede se in gravidanza ingrassi di venti chili e il tuo ginecologo (insieme a una stramaledetta bilancia professionale) si trasforma nel nemico numero uno? E se hai una mamma che ti nutre a verdura e poco più perché a lei il cibo non interessa e che a un certo punto decide di fare lo sciopero della fame per solidarietà con Pannella? Cosa accade se la tua migliore amica ti dà della grassona per errore (suo) o se, a quarant’anni, ti fidanzi con un cuoco che vuole viziarti in ogni momento con succulenti manicaretti? Ecco, succede quello che Selvaggia ci racconta nel suo nuovo e spassosissimo libro, dove si confessa e ci mostra la realtà che (quasi) tutti noi viviamo costantemente: il conflitto con il nostro peso e con l’immagine che rappresenta in questa società che tenta incessantemente di condizionarci. Contando sul fatto che siamo tutti accomunati dallo stesso miraggio: quello che un giorno potremo scegliere un super potere che non sarà l’invisibilità, o passare attraverso i muri o volare. Sceglieremo di mangiare senza ingrassare. Convinti che il nostro sogno prima o poi si avvererà.

Falso in bilancia di Selvaggia Lucarelli ti aspetta alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

De Giovanni: un nuovo noir a tinte rosa

Nuovo appuntamento con il maestro del noir Maurizio De Giovanni e la sua più recente invenzione letteraria, la detective Sara Morozzi, svelata per la prima volta lo scorso anno con il romanzo “Sara al tramonto”. La seconda avventura della serie si intitola “Le parole di Sara” (Rizzoli, pp 390, euro 19) e riconferma lo scrittore napoletano una delle penne più originali e prolifiche del noir italiano (foto principale del post di Matthew Henry).

Protagoniste del nuovo romanzo sono due donne che “si parlano con gli occhi”. Conoscono il linguaggio del corpo e per loro la verità è scritta sulle facce degli altri. Entrambe hanno imparato a non sottovalutare le conseguenze dell’amore. Sara Morozzi l’ha capito molto presto, Teresa Pandolfi troppo tardi. Diverse come il giorno e la notte, sono cresciute insieme: colleghe, amiche, avversarie leali presso una delle più segrete unità dei Servizi. Per amore, Sara ha rinunciato a tutto, abbandonando un marito e un figlio che ha rivisto soltanto sul tavolo di un obitorio. Per non privarsi di nulla, Teresa ha rinunciato all’amore. Trent’anni dopo, Sara prova a uscire dalla solitudine in cui è sprofondata dalla scomparsa del suo compagno, mentre Teresa ha conquistato i vertici dell’unità. Ma questa volta ha commesso un errore: si è fatta ammaliare dagli occhi di Sergio, un giovane e fascinoso ricercatore. Così, quando il ragazzo sparisce senza lasciare traccia, non le resta che chiedere aiuto all’amica di un tempo. E Sara, la donna invisibile, torna sul campo. Insieme a lei ci sono il goffo ispettore Davide Pardo e Viola, ultima compagna del figlio, che da poco l’ha resa nonna, regalandole una nuova speranza…

Le parole di Sara e i precedenti romanzi di Maurizio De Giovanni li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

Premio Strega 2019: i magnifici dodici

Sette autrici e cinque autori. Sono i 12 scrittori candidati ad aggiudicarsi il Premio Strega 2019 annunciati lo scorso 17 marzo durante “Libri Come”, la Festa del Libro e della Lettura all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il Comitato direttivo del Premio – composto da Pietro Abate, Giuseppe D’Avino, Valeria Della Valle, Ernesto Ferrero, Simonetta Fiori, Alberto Foschini, Paolo Giordano, Melania G. Mazzucco (presidente), Gabriele Pedullà, Stefano Petrocchi, Marino Sinibaldi e Giovanni Solimine – ha selezionato la dozzina tra i cinquantasette titoli di narrativa proposti quest’anno dagli Amici della domenica, il gruppo storico della giuria:

Valerio Aiolli, Nero ananas (Voland)
Paola Cereda, Quella metà di noi (Perrone)
Benedetta Cibrario, Il rumore del mondo (Mondadori)
Mauro Covacich, Di chi è questo cuore (La nave di Teseo)
Claudia Durastanti, La straniera (La nave di Teseo)
Pier Paolo Giannubilo, Il risolutore (Rizzoli)
Marina Mander, L’età straniera (Marsilio)
Eleonora Marangoni, Lux (Neri Pozza)
Cristina Marconi, Città irreale (Ponte alle Grazie)
Marco Missiroli, Fedeltà (Einaudi)
Antonio Scurati, M. Il figlio del secolo (Bompiani)
Nadia Terranova, Addio fantasmi (Einaudi)

I libri candidati saranno votati da una giuria composta dai 400 Amici della domenica, da 200 votanti all’estero selezionati da 20 Istituti italiani di cultura, da 40 lettori forti selezionati da 20 librerie associate all’ALI, e da 20 voti collettivi di biblioteche, università e circoli di lettura (15 i circoli coordinati dalle Biblioteche di Roma), per un totale di 660 votanti. Concorrono inoltre alla VI edizione del Premio Strega Giovani e saranno letti e votati da una giuria composta da 600 ragazzi provenienti da 60 scuole secondarie superiori in Italia e all’estero.

La prima votazione, che selezionerà la cinquina dei finalisti, avrà luogo mercoledì 12 giugno nel Tempio di Adriano – Camera di Commercio di Roma, e non, come da tradizione, nella sede della Fondazione Bellonci, a causa dei lavori di ristrutturazione in corso nel palazzo in via Fratelli Ruspoli. Come da tradizione, invece, la votazione per l’elezione del vincitore si svolgerà giovedì 4 luglio al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e in diretta su Rai 3.

Tutti i titoli candidati per la LXXIII edizione del Premio Strega li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2!

“Un capitano”: la storia di Totti in un libro

Una lettura avvincente tanto per i romanisti quanto per tutti gli amanti del calcio in generale. “Un capitano” (Rizzoli, pp 512, euro 21) è il libro biografico che Francesco Totti ha scritto insieme al giornalista Paolo Condò e che sta raccogliendo un crescente successo di vendite.

Roma, Colosseo 27/09/2018 – Presentazione del libro 
©Musacchio, Ianniello & Pasqualini

Tanti i racconti e gli aneddoti raccolti nelle pagine del libro. L’infanzia in via Vetulonia, i primi calci al pallone, la timidezza e la paura del buio, la vita di quartiere in una Roma che forse non esiste più. Gli amici che resteranno gli stessi per tutta la vita. Gli allenamenti a cui la mamma lo accompagnava in 126, asciugandogli i capelli con i bocchettoni in inverno. L’esordio in Serie A a 16 anni in un pomeriggio di marzo del 1993 a Brescia, il primo derby, il primo gol, il rischio di essere ceduto alla Sampdoria prima ancora che la sua favola in giallorosso possa cominciare. E poi la gloria: caso più unico che raro di profeta in patria, venticinque anni con la stessa maglia, capitano per sempre, un palmarès che annovera un epico Scudetto, due Coppe Italia e due Supercoppe Italiane, oltre ovviamente al Mondiale 2006 conquistato da protagonista con la Nazionale. E ancora il matrimonio da sogno con Ilary Blasi, la vita mondana attraversata sempre con leggerezza, con autoironia, con il sorriso grato di chi ha ricevuto in dono un talento straordinario e la possibilità di divertirsi facendo ciò che più ama: giocare a pallone. Con l’espressione eternamente stupita del ragazzo che una città ha eletto a simbolo e condottiero, oggetto di un amore senza uguali. Fino al giorno del ritiro dal calcio giocato, e di un addio che ha emozionato non solo i tifosi romanisti ma gli sportivi italiani tutti. Perché Francesco Totti è la Roma, ma è anche un pezzo della vita di ognuno di noi.

Un capitano di Francesco Totti con Paolo Condò lo trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2!

 

 

Diamanti e sangue nel nuovo giallo di Deaver

02Nuovo appuntamento letterario con uno dei più grandi autori di thriller viventi. Pubblicato da poco anche in Italia, è arrivato in libreria “Il taglio di Dio” (Rizzoli, pp 528, euro 20) dello scrittore americano Jeffery Deaver.

Al centro del nuovo romanzo di Jeffery Deaver c’è un’altra avvincente indagine del criminologo Lincoln Rhyme. La storia prende il via al Diamond District di Manhattan dove il corpo di Jatin Patel, maestro tagliatore di diamanti, viene ritrovato esanime sul pavimento del suo laboratorio. Pochi metri più in là, c’è una giovane coppia di fidanzati: hanno caviglie e polsi legati, la gola tagliata. La scena che la squadra di Rhyme si trova di fronte, un sabato mattina qualunque nelle stanze della Patel Designs, ha tutti i numeri della classica rapina finita male. Ma per Amelia Sachs qualcosa non torna. I diamanti lavorati non sono stati portati via, e l’assassino si è accanito sulle vittime con una brutalità che suggerisce un movente diverso. Per sposare definitivamente la tesi che dietro all’omicidio si nasconda altro, basta leggere il messaggio sgrammaticato e delirante che il killer ha inviato alla stampa. Non è la prima volta che Rhyme deve entrare nella mente allucinata di un assassino. Se non fosse che la follia del Promittente, così si è firmato, è eguagliata da un’abilità e una lucidità fuori dal comune. Per quanto un errore l’abbia già commesso, un errore che lo potrebbe incastrare. Jeffery Deaver lancia la sua sfida, una duplice caccia all’uomo nello spietato mondo del commercio dei diamanti, e si diverte a mettere alla prova il formidabile intuito di Lincoln e Amelia con svolte improvvise e deviazioni di percorso…

Il taglio di Dio e i precedenti romanzi di Jeffery Deaver ti aspettano alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

Selvaggia Lucarelli: storie di casi umani

Dopo il successo di Dieci piccoli infami, fra i bestseller dell’estate scorsa, la spietata ironia di Selvaggia Lucarelli ci fa compagnia anche quest’estate grazie ai racconti del suo ultimo libro, “Casi Umani” (Rizzoli, pp 223, euro 17).

Protagonisti del nuovo libro sono uomini che, prima ancora che “ex”, Selvaggia definisce evidenti, cristallini “casi umani”: da Mister Foglio Excel, di una taccagneria mitologica, a Mister Ho una cosa per te, cleptomane compulsivo, fino al vincitore assoluto, Mister Il piacere è soggettivo, voyeurista seriale.

“L’inizio di tutto – racconta Selvaggia – è il disgraziato giorno in cui il mio fidanzato dell’epoca mi lasciò. Non ero preparata, non ritenevo contemplabile il fatto di poter essere mollata, l’ipotesi non mi era stata annunciata in alcun modo e, soprattutto, era profondamente ingiusto. Non si lascia una donna perché è gelosa anche della tua segretaria lesbica sessantaduenne, o perché ogni volta che devi partire per lavoro ti mette su il muso come se avesse scoperto un tuo passato di militanza in Casa Pound.” E ancora: ”Cosa succede quando finisce un amore? La delusione, la tristezza, il dolore, certo. Ma poi, dopo i primi giorni, anche l’inesorabile scivolare verso una serie di incontri surreali e di relazioni-lampo con personaggi a cui, a distanza di anni, non si concederebbe neppure il tempo di un caffè ma che, per irripetibili congiunzioni astrali, si sono trovati a rivestire il ruolo di traghettatori. Con effetti tragicomici”. Personaggi che “potrebbero sembrare frutto di fantasia, di un mojito di troppo o di una sfiga siderale e che invece, ahimè, sono comuni e realmente esistiti…”.

Casi Umani di Selvaggia Lucarelli lo trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2!

 

Elisa Maino: storia di un’estate senza social

Con oltre 3 milioni di follower è una delle adolescenti più seguite sulla video community Musical.ly e il suo primo romanzo, “#Ops” (Rizzoli, pp 272, euro 15,90), è il caso editoriale del momento. Lei è Elisa Maino, una quindicenne come tante della sua generazione: frequenta il liceo classico, adora il greco, ama la musica, le serie tv e la danza, la sua vera passione.

Scritto in due mesi, il libro della giovane “muser” – come vengono denominati gli autori dei video di 15 secondi caricati su Musical.ly e guardati sui cellulari degli adolescenti di tutto il mondo – è il coronamento di un sogno condiviso con la nonna sin da piccolissima.”Scrivevamo tanto io e mia nonna Agnese – ha raccontato all’Ansa la giovane autrice. Parte della trama è nata dall’immaginazione di lei. E ora questo libro è un modo per renderle omaggio dopo che quest’anno è venuta a mancare”.

#Ops è una storia d’amore che ha per protagonista Eveline, detta Evy, una ragazzina dallo sguardo color nocciola, la testa tra le nuvole e la passione per la danza, che d’estate vorrebbe andare al mare a Riccione con le amiche e vivere giornate piene di sole, locali sulla spiaggia, musica e canzoni fino all’alba, ma viene spedita in montagna. Ad aspettarla, via da Milano e soprattutto a troppi chilometri dal mare, ci sono la nonna Lea, un concentrato di saggezza e crostate alla frutta, e Alice, vecchia amica dalla bellezza genuina, sempre convinta di non essere abbastanza. Tra i boschi Evy si imbatte in Chris, il lupo solitario che quando nessuno lo guarda ama tuffarsi nelle acque del lago, cristalline come i suoi occhi. Evy e Chris appartengono a due mondi diversissimi, ma hanno una cosa in comune: sono dei gran testardi, pronti a tutto per difendere i propri ideali. Lo scontro è assicurato e, come se non bastasse, in mezzo alla natura incontaminata non c’è spazio per la tecnologia. Esatto: nessuna connessione internet! Come sopravvivere a un’estate senza social? Senza poter chattare con gli inseparabili Leila e Jhonny, partiti per una vacanza da urlo? In vetta alla montagna dove ha trascorso l’infanzia, per la prima volta Evy alzerà gli occhi dallo smartphone: solo così troverà il coraggio di seguire il suo sogno, e scoprirà un panorama che non ha bisogno dei filtri di Instagram per essere perfetto.

#Ops, primo romanzo di Elisa Maino, ti aspetta alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2!

 

Il Macbeth formato thriller di Jo Nesbø

Quando mi hanno contattato e mi hanno chiesto di scrivere una storia basata su una delle opere di Shakespeare, la mia risposta immediata è stata: “Lo faccio solo se posso riscrivere Macbeth”. Jo Nesbø racconta così l’antefatto del suo nuovo romanzo “Macbeth” pubblicato in Italia da Rizzoli (pp 616, euro 20).

Considerato uno dei maggiori autori crime viventi, con Macbeth lo scrittore norvegese regala ai suoi lettori una nuova storia nera, un thriller ambientato negli Anni ’70 in una città industriale sull’orlo del collasso fatta di fabbriche chiuse, disperazione e piazze di spaccio. Sotto l’eterna pioggia nera che la flagella, il poliziotto migliore che si muove per le sue strade è Macbeth, un ex tossico, un uomo fragile dal passato turbolento, abbandonato da bambino, uno sbirro incline alla violenza. Ma è lui, con la sua squadra, a gestire con intelligenza una retata nell’area del porto, un’azione in grande stile che, finalmente, gli fa intravedere la possibilità di ottenere una promozione. E quindi guadagnarsi il rispetto degli altri, avere una vita migliore, e molto più potere, che è ciò che conta. Tutto questo è lì, a portata di mano: ma, pensa Macbeth, davvero mi lasceranno arrivare tanto in alto? Tormentato dalle allucinazioni, vittima di paranoie sempre più acute, Macbeth comincia, lentamente, a soccombere a se stesso e al tarlo dell’ambizione

© Thron Ulberg

Macbeth e i precedenti romanzi di Jo Nesbø li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2!

Una poliziotta invisibile sotto il cielo di Napoli

A pochi mesi di distanza dalla pubblicazione di “Souvenir per i Bastardi di Pizzofalcone”, il giallista napoletano Maurizio De Giovanni è tornato in libreria con un nuovo e avvincente noir: “Sara al tramonto” (Rizzoli, pp 360, euro 19).

Il romanzo è incentrato su un personaggio femminile destinato a lasciare il segno nella letteratura italiana di genere. È Sara, la donna invisibile che, dal suo archivio nascosto in una Napoli periferica e lunare, ci trascina nel luogo in cui tutti vorremmo essere: in fondo al nostro cuore, anche quando è nero. Sara non vuole esistere. Il suo dono è l’invisibilità, il talento di rubare i segreti delle persone. Capelli grigi, di una bellezza trattenuta solo dall’anonimato in cui si è chiusa, per amore ha lasciato tutto seguendo l’unico uomo capace di farla sentire viva. Ma non si è mai pentita di nulla e rivendica ogni scelta. Poliziotta in pensione, ha lavorato in un’unità legata ai Servizi, impegnata in intercettazioni non autorizzate. Il tempo le è scivolato tra le dita mentre ascoltava le storie degli altri. E adesso che Viola, la compagna del figlio morto, la sta per rendere nonna, il destino le presenta un nuovo caso. Anche se è fuori dal giro, una vecchia collega che ben conosce la sua abilità nel leggere le labbra – fin quasi i pensieri – della gente, la spinge a indagare su un omicidio già risolto. Così Sara, che non si fida mai delle verità più ovvie, torna in azione, in compagnia di Davide Pardo, uno sbirro stropicciato che si ritrova accanto per caso, e con il contributo inatteso di Viola e del suo occhio da fotografa a cui non sfugge nulla.

Sara al tramonto e i precedenti romanzi di Maurizio De Giovanni ti aspettano alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2. Buona lettura!

 

 

I ricordi di Camilleri sotto l’albero di Natale

Un libro per Natale? Fra i titoli destinati, e con merito, a ritagliarsi uno spazio speciale fra i regali sotto l’albero, un posto d’onore spetta sicuramente a “Esercizi di memoria” (Rizzoli, pp 242, euro 18), l’ultima fatica letteraria di Andrea Camilleri.

Il nuovo libro dello scrittore siciliano è un generoso, vulcanico album dei ricordi che ripercorre la vita del contastorie più amato della nostra letteratura. Costretto a fare i conti con la sopravvenuta cecità, Camilleri combatte la sua condizione scavando nella memoria e affidando i suoi aneddoti e i suoi ricordi al lavoro di trascrizione di Isabella Dessalvi. È a lei che, come racconta nell’introduzione, ha dettato le 23 storie del libro. “Nell’estate del 2016 – scrive Camilleri – in prossimità dei miei 91 anni, mi sono portato il lavoro a Monte Amiata dove da sempre passo le mie ferie agostane. Non potendo dettare in vigatese, allora la gentile Isabella si è prestata a venire ogni mattina a scrivere i miei ricordi”.

Se forte era la sua disciplina prima, lo è ancora di più oggi che Camilleri può contare esclusivamente sulla sua memoria. Occorre quindi tenerla in esercizio: osservare nei minimi dettagli i ricordi, mettere bene a fuoco nella mente le scene da raccontare, quelle da ricordare, quelle da immaginare.
«L’ideale della mia scrittura è di farla diventare un gioco di leggerezza, un intrecciarsi aereo di suoni e parole. Vorrei che la mia scrittura somigliasse agli esercizi acrobatici di un’acrobata che vola da un trapezio all’altro facendo magari un triplo salto mortale, sempre con il sorriso sulle labbra, senza mostrare mai la fatica, l’impegno quotidiano, la presenza del rischio che hanno reso possibili quelle evoluzioni. Se la trapezista mostrasse la sua fatica per raggiungere quella grazia lo spettatore certamente non godrebbe dello spettacolo.»
E infatti la memoria di questi racconti non è mai appesantita né dalla malinconia né dal rimpianto. Per questo Camilleri chiede a chi parla attraverso i colori, le forme e i volumi di sostenere il suo allenamento e di rendere l’esercizio più godibile, più leggero, più spettacolare. Il libro, sulla cui copertina campeggia un ritratto uscito dalla matita inconfondibile di Tullio Pericoli, è impreziosito da disegni di Gipi, Lorenzo Mattotti, Guido Scarabottolo, Alessandro Gottardo e Olimpia Zagnoli, illustratori di generazioni diverse a cui Andrea Camilleri ha chiesto di rappresentare il “sentimento” di questo libro.

Esercizi di memoria e gli altri libri di Andrea Camilleri ti aspettano alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2!