L’umorismo salverà l’ambiente?

100 disegnatori e fumettisti rispondono all’appello in favore della Terra

Una mostra di respiro internazionale arriva a Euroma2: le migliori matite dello humor mondiale hanno collaborato con le proprie opere alla realizzazione di “Humor biodegradabile” un’esposizione di illustrazioni in mostra da venerdì 7 febbraio, presso l’Ipercoop del Centro Commerciale Euroma2 (piano terra).

100 autori di 38 Paesi, appartenenti a 5 continenti mettono a confronto diverse culture, idee, fantasie e invenzioni grafiche sul tema dell’inquinamento dei mari. Disegni con un sano e pungente humor che riescono a coinvolgere il pubblico, contribuendo alla formazione di un pensiero critico e analitico sulla eco-sostenibilità del nostro pianeta.

A rappresentare l’Italia, alcune delle matite più famose, come Altan, Sergio Staino, Marco De Angelis, Bruno Bozzetto e tanti altri, che riescono a sintetizzare con le loro immagini un problema tanto vasto e urgente come quello dell’inquinamento dalla plastica.

Secondo una disposizione dell’Unione Europea, entro il 2029, i cittadini europei dovranno contribuire attivamente al riciclo del 90% della plastica prodotta nel continente. Si tratta di una direttiva chiara e senza più possibilità di marcia indietro per permettere al nostro continente – nel giro di breve tempo – di diventare Europa Plastic Free. L’inquinamento è il tema del 16° Festival Internazionale di Humor Grafico, che mette in evidenza come la plastica in mare sia uno dei principali responsabili del danno ecologico e di tutti i gravi problemi che ne conseguono.

La mostra, che resterà aperta fino al 16 febbraio, è organizzata dal Festival Internazionale di Humor Grafico Itinerante (www.festivalhumorgrafico.eu) e rappresenta un concreto messaggio solidale, reso possibile solo grazie all’opera di questi artisti, che hanno aderito all’appello in modo unico e straordinario.