Connelly: doppia verità per il detective Bosch

Ogni nuovo romanzo di Michael Connelly è una garanzia per i thriller-dipendenti di tutto il mondo. Lo scrittore americano è appena tornato in libreria con una nuova storia del “detective senza macchia” Harry Bosch, lanciato nei suoi libri oltre 20 anni fa. Il nuovo romanzo, che arriva a un anno di distanza da “Il lato oscuro dell’addio”, si intitola “Doppia verità” (Piemme, pp 384, euro 19,90).

La verità – scrive Connelly – può essere di due tipi: quella che libera, e quella che uccide. Nel nuovo romanzo ci racconta che il detective Harry Bosch non ha lasciato il dipartimento di polizia di Los Angeles dove ha lavorato per una vita, nel più felice dei modi. Da un po’ di tempo ha voltato pagina e ora si occupa di “casi freddi” per la polizia di San Fernando, piccola municipalità dell’area di Los Angeles. Scavare nel passato, alla ricerca di nuovi indizi in vecchi casi rimasti irrisolti, gli sembra la cosa più adatta a lui, in questo momento della sua vita. Ma quando due farmacisti della cittadina vengono ammazzati nel loro negozio, il suo nuovo capo gli chiede una mano: e così, insieme alla detective Bella Lourdes, Bosch si ritrova coinvolto in un caso che di “freddo” ha ben poco. Nel frattempo, però, il fantasma del LAPD torna a fargli visita: Preston Borders, omicida e stupratore che trent’anni fa Bosch assicurò al braccio della morte, ha presentato un ricorso. A quanto pare, ci sono nuove prove a favore della sua innocenza, e Bosch è nel mirino: non solo avrà bisogno del suo avvocato, Mickey Haller, per difendersi da accuse di incompetenza e inquinamento di prove, ma soprattutto, agli occhi del mondo, rischia di essere nient’altro che il poliziotto che ha mandato in prigione l’uomo sbagliato. A meno che, nei nove giorni di tempo prima che Borders venga scarcerato, Bosch non riesca a smontare il nuovo caso, e trovare altre prove della colpevolezza del detenuto…

Doppia verità e gli altri romanzi di Michael Connelly li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

Georges Simenon: sulle tracce del sospettato

A tutti gli amanti del poliziesco non sarà sfuggito l’arrivo in libreria di un altro libro di Georges Simenon, riconosciuto maestro del genere e autore di circa 500 romanzi tradotti in più di cinquanta lingue e pubblicati in oltre quaranta paesi. A trent’anni dalla morte del grande scrittore francese di origine belga, Adelphi ha pubblicato “Il sospettato” (pp 140, euro 18), un’altra intrigante storia uscita dalla penna del creatore del commissario Maigret.

Al centro della storia de Il sospettato c’è la figura di un anarchico francese, Pierre Chave, che in una notte di pioggia scrosciante, attraversa illegalmente la frontiera tra il Belgio e la Francia (dov’è ricercato per diserzione), consapevole che la sua sarà una corsa contro il tempo: per impedire che una bomba scoppi in una fabbrica di aerei, nella periferia di Parigi, facendo decine di vittime innocenti, deve a ogni costo riuscire a trovare Robert, il «ragazzino» infelice e bisognoso di affetto che, dopo averlo venerato come un maestro, si è sottratto alla sua influenza lasciandosi indurre a compiere un attentato. Pierre deve salvare gli operai della fabbrica – e deve salvare lo stesso Robert dal macchiarsi di una colpa orrenda. Perché, pur avendo strenuamente creduto nell’ideale anarchico, è contro la violenza e sa che il terrorismo come metodo di lotta politica è una strada senza uscita. Ma la sua è una missione quasi disperata: perché su di lui pesano non solo i sospetti della polizia, ma anche quelli dei suoi stessi compagni, convinti che sia stato lui a tradirli…

Il sospettato e gli altri romanzi di Georges Simenon li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

Raphaëlle Giordano: un romanzo per cambiare vita

Dopo il successo internazionale di “La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola” e “La felicità arriva quando scegli di cambiare vita”, entrambi pubblicati in Italia da Garzanti, Raphaëlle Giordano è tornata in libreria con un nuovo romanzo che affronta il tema delicato delle relazioni e dei sentimenti: “Oggi è il giorno giusto per dare una svolta alla tua vita” (Garzanti, pp 358, euro 17,90)

Nel nuovo romanzo Raphaëlle Giordano invita a ricordare che non è mai troppo tardi per pensare positivo e provare a cambiare qualcosa nelle nostre abitudini: è il primo passo per rivoluzionare la nostra esistenza e trovare la vera felicità. Protagonista della storia è Meredith, una donna che di fronte al desiderio del compagno Antoine di dare una svolta al loro rapporto, non è più sicura della direzione da prendere e ha bisogno di fare chiarezza, ma non sa da dove cominciare. Finché la migliore amica Rose le regala un taccuino su cui annotare pensieri e riflessioni e le propone di portarlo con sé in un viaggio intorno al mondo. Sei mesi per ritrovare se stessa e capire se sia possibile prepararsi al grande amore. All’inizio, Meredith non crede sia una buona idea, ma allontanarsi dalla quotidianità potrebbe rimettere ogni cosa nella giusta prospettiva. Così accetta la proposta di Rose: da Parigi a Londra e New York, riempie il suo taccuino di annotazioni che la aiutano a esprimere la propria inclinazione all’amore. E impara che bastano pochi semplici accorgimenti per vivere e amare pienamente: fare pace con se stessi e mettere da parte i ricordi dolorosi, ascoltarsi e riconoscere il valore dei propri successi, non dare retta ai dubbi né alla voce della gelosia e, soprattutto, ricordarsi di tendere al punto giusto la corda del desiderio. Piccole regole d’oro da rispolverare quando si ha la sensazione di aver perso l’orientamento. Ora Meredith deve affrontare la sfida più grande: mettere in pratica ciò che ha imparato per capire se sia arrivato il momento di riabbracciare Antoine e riprendere la propria vita.

Oggi è il giorno giusto per dare una svolta alla tua vita e i precedenti romanzi di Raphaëlle Giordano li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

Christelle Dabos: fantasy con accento francese

Chi ha amato le atmosfere di Philip Pullman, la speciale storia d’amore di Twilight, lo spirito d’avventura e l’azione politica di Hunger Games e il mondo magico di Harry Potter, troverà familiari e altrettanto avvincenti le pagine di Christelle Dabos. La scrittrice francese che vive e lavora in Belgio ha da poco pubblicato anche in Italia il secondo volume della saga dell’Attraversaspecchi (dopo il primo, Fidanzati dell’inverno), “Gli scomparsi di Chiardiluna” (edizioni e/o, pp 576, euro 16).

Catherine Hélier © Editions Gallimard

Nel nuovo capitolo dell’Attraversaspecchi troviamo la timida protagonista Ofelia sulla gelida arca del Polo, dove è stata sbattuta dalle Decane perché sposi suo malgrado il nobile Thorn. Qui il caldo è soffocante. Ma è soltanto una delle illusioni provocate dalla casta dominante dell’arca, i Miraggi, in grado di produrre giungle sospese in aria, mari sconfinati all’interno di palazzi e vestiti di farfalle svolazzanti. A Città-cielo, capitale del Polo, Ofelia viene presentata al sire Faruk, il gigantesco spirito di famiglia bianco come la neve e completamente privo di memoria, che spera nelle doti di lettrice di Ofelia per svelare i misteri contenuti nel Libro, un documento enigmatico che nei secoli ha causato la pazzia o la morte degli incauti che si sono cimentati a decifrarlo. Per Ofelia è l’inizio di una serie di avventure e disavventure in cui, con il solo aiuto di una guardia del corpo invisibile, dovrà difendersi dagli attacchi a tradimento dei decaduti e dalle trappole mortali dei Miraggi. È la prima a stupirsi quando si rende conto che sta rischiando la pelle e investendo tutte le sue energie nell’indagine solo per amore di Thorn, l’uomo che credeva di odiare più di chiunque al mondo…

Gli scomparsi di Chiardiluna e il precedente volume della saga dell’Attraversaspecchi di Christelle Dabos li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

Lucinda Riley e la ragazza della luna

Dai paesaggi incontaminati della Scozia allo splendore assolato della Spagna. Il nuovo capitolo della saga bestseller “Le sette sorelle” di Lucinda Riley si intitola “La ragazza della luna” (Giunti, pp 720, euro 16,90) e riserva a tutti i fan della scrittrice irlandese altre pagine piene di incontri e sorprese. Un libro perfetto da regalare a San Valentino…

Sono trascorsi ormai sei mesi dalla morte di Pa’ Salt, e Tiggy, la quinta delle sorelle D’Aplièse, accetta un lavoro nella riserva naturale di Kinnaird. In questo luogo selvaggio e completamente isolato nelle Highlands scozzesi, si dovrà occupare di una razza felina a rischio di estinzione per conto di Charlie, l’affascinante proprietario della tenuta. Qui Tiggy incontra Cal, il guardacaccia e coinquilino, che presto diventerà un caro amico; Zara, la figlia adolescente e un po’ ribelle di Charlie e Zed Eszu, corteggiatore insistente nonché ex fidanzato di una delle sorelle. Ma soprattutto incontra Chilly, un vecchio gitano che sembra conoscere molti dettagli del suo passato e di quello di sua nonna: la famosa ballerina di flamenco Lucía Amaya Albaycín. Davvero una strana coincidenza, ma Tiggy ha sempre avuto un intuito particolare, una connessione profonda con la natura. Questo incontro non è casuale, è parte del suo destino e, quando sarà pronta, non dovrà fare altro che seguire le indicazioni di Pa’ Salt e bussare a una porticina azzurra nel Cortijo del Aire, a Granada.

Nata a Lisburn, nell’Irlanda del Nord, Lucinda Riley ha lavorato per il cinema, il teatro e la tv e ha esordito come scrittrice a 24 anni. I suoi romanzi sono dei bestseller internazionali che hanno venduto oltre 13 milioni di copie nel mondo e sono tradotti in 39 Paesi.

La ragazza della luna e gli altri romanzi della saga “Le Sette Sorelle” di Lucinda Riley li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2.

 

Wilbur Smith: l’amore oltre la guerra

L’appuntamento con ogni nuovo romanzo di Wilbur Smith è un vero e proprio evento in tutto il mondo. Non fa eccezione “La guerra dei Courtney” (HarperCollins Italia, pp 536, euro 22), il nuovo e appassionante capitolo della saga dei Courtney nonché attesissimo seguito del bestseller internazionale “Grido di guerra”.

Al centro del nuovo romanzo del maestro sudafricano ci sono due eroi e il loro legame indissolubile. Separati dalla guerra, a migliaia di miglia di distanza l’uno dall’altra, Saffron Courtney e Gerhard von Meerbach lottano per sopravvivere al conflitto che sta dilaniando l’Europa. Gerhard, ostile al regime nazista, è deciso a rimanere fedele ai propri ideali nonostante tutto e combatte per la madrepatria nella speranza di poterla liberare, un giorno, da Hitler. Ma quando la sua unità si ritrova coinvolta nell’inferno della battaglia di Stalingrado, si rende conto che le possibilità di uscirne vivo si affievoliscono di giorno in giorno. Saffron, che nel frattempo è stata reclutata dal SOE, l’Esecutivo Operazioni Speciali, e inviata nel Belgio occupato per scoprire in che modo i nazisti sono riusciti a infiltrarsi nella rete dell’organizzazione, deve trovare il modo di sfuggire ai nemici che le danno la caccia. Costretti ad affrontare forze malvagie e orrori indicibili, i due innamorati sono chiamati a prendere la decisione più difficile: sacrificare se stessi, o cercare di sopravvivere a ogni costo nella speranza che il destino, un giorno, permetta loro di ritrovarsi.

La guerra dei Courtney e i precedenti romanzi di Wilbur Smith li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

“In bocca al lupo”: tornano i Brocchi di Herron

L’hanno definito “il nuovo John le Carrè” nonché “il più colto e scaltro tra i giallisti contemporanei di lingua inglese”. Mick Herron inaugura il 2019 di Feltrinelli con “In bocca al lupo” (pp 320, euro 17), una nuova avventura dei Brocchi, gli ex agenti segreti caduti in disgrazia e capitanati da Jackson Lamb già al centro dell’altro romanzo, Un covo di Bastardi (Feltrinelli, 2018).

Feltrinelli – Photo: © Lee Gillies

Nel nuovo giallo di Mick Herron, com’è nello stile dello scrittore britannico, si resta catturati dalla storia e si continua a ridere in maniera intelligente. Jackson Lamb e i suoi uomini, “i Brocchi”, sono un branco di agenti segreti che l’intelligence ha allontanato perché avevano commesso qualche errore imperdonabile o coltivato un vizietto di troppo, senza però riuscire mai ad azzopparli del tutto. Dickie Bow, vecchio leone, per giunta cresciuto allo “zoo” di Berlino in piena Guerra fredda, è un’ombra capace di infiltrarsi ovunque, di stare alle calcagna del suo target per mesi e carpirne i segreti. Almeno finché non viene trovato morto su un autobus vicino a Oxford. Jackson Lamb è stato a Berlino con Dickie prima della caduta del Muro. E ora possiede il suo cellulare e il suo ultimo segreto, oltre a sospettare che qualcuno stia escogitando un’operazione in vecchio stile sovietico proprio nella tana del lupo, in piena Londra e sotto al naso dei servizi segreti. La perfetta occasione di riscatto per i Brocchi…

In bocca al lupo di Mick Herron ha vinto il più ambito premio internazionale dedicato ai gialli, il CWA Dagger Award. Puoi trovare il romanzo alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2. Buona lettura!

 

Daniel Pennac: vi presento mio fratello…

Un libro breve, toccante e molto intimo. Un atto d’amore nei confronti del fratello Bernard, scomparso nel 2007 e al quale deve la sua passione per la letteratura e l’iniziazione al mestiere dello scrittore. “Mio fratello” (Feltrinelli, pp 121, euro 14) è l’ultima fatica letteraria di Daniel Pennac, un originale libro in cui si mescolano riflessioni private e riferimenti al celebre racconto di Herman Melville “ Bartleby lo scrivano”.

“Non so niente di mio fratello morto, se non che gli ho voluto bene – confessa Pennac. Sento moltissimo la sua mancanza, e tuttavia non so chi ho perso. Ho perso il piacere della sua compagnia, la gratuità del suo affetto, la serenità dei suoi giudizi, la complicità del suo senso dell’umorismo, ho perso la quiete. Ho perso quel po’ di tenerezza che c’era ancora al mondo. Ma chi ho perso?” . È da questo grande interrogativo che nasce Mio fratello, un oggetto letterario che intreccia il racconto di Melville, Bartleby lo scrivano, alle vicende di vita del fratello Bernard che considerava alla stregua di un gemello tanto forte era il loro legame, nonostante che il loro modo di essere vicini non contemplasse alcuna confidenza. Poco tempo dopo la morte di Bernard, Daniel Pennac allestì una lettura scenica di Bartleby lo scrivano di Melville, personaggio nei confronti del quale lui e il fratello avevano la medesima predilezione. Alternando qui gli estratti del suo adattamento teatrale e gli aneddoti su Bernard, ricordi affettuosi, divertenti o spietati, battute piene di humour e di lucidità, Daniel Pennac tratteggia il ricordo del fratello scomparso, vero e proprio complice, insostituibile compagno di vita. E al contempo mette in luce una singolare affinità tra i due personaggi. Come Bartleby, Bernard era sempre più incline a ritrarsi deliberatamente dalla vita sociale. A questa testimonianza di affetto fraterno, Pennac affianca riflessioni appassionate sul teatro, la recitazione e le maschere sociali. Il tutto costituisce un singolare libro d’amore, insieme profondo, lucido e toccante.

Mio fratello e i precedenti romanzi di Daniel Pennac li trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

Diamanti e sangue nel nuovo giallo di Deaver

02Nuovo appuntamento letterario con uno dei più grandi autori di thriller viventi. Pubblicato da poco anche in Italia, è arrivato in libreria “Il taglio di Dio” (Rizzoli, pp 528, euro 20) dello scrittore americano Jeffery Deaver.

Al centro del nuovo romanzo di Jeffery Deaver c’è un’altra avvincente indagine del criminologo Lincoln Rhyme. La storia prende il via al Diamond District di Manhattan dove il corpo di Jatin Patel, maestro tagliatore di diamanti, viene ritrovato esanime sul pavimento del suo laboratorio. Pochi metri più in là, c’è una giovane coppia di fidanzati: hanno caviglie e polsi legati, la gola tagliata. La scena che la squadra di Rhyme si trova di fronte, un sabato mattina qualunque nelle stanze della Patel Designs, ha tutti i numeri della classica rapina finita male. Ma per Amelia Sachs qualcosa non torna. I diamanti lavorati non sono stati portati via, e l’assassino si è accanito sulle vittime con una brutalità che suggerisce un movente diverso. Per sposare definitivamente la tesi che dietro all’omicidio si nasconda altro, basta leggere il messaggio sgrammaticato e delirante che il killer ha inviato alla stampa. Non è la prima volta che Rhyme deve entrare nella mente allucinata di un assassino. Se non fosse che la follia del Promittente, così si è firmato, è eguagliata da un’abilità e una lucidità fuori dal comune. Per quanto un errore l’abbia già commesso, un errore che lo potrebbe incastrare. Jeffery Deaver lancia la sua sfida, una duplice caccia all’uomo nello spietato mondo del commercio dei diamanti, e si diverte a mettere alla prova il formidabile intuito di Lincoln e Amelia con svolte improvvise e deviazioni di percorso…

Il taglio di Dio e i precedenti romanzi di Jeffery Deaver ti aspettano alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2

 

Il romanzo della ragazza che sta benissimo…

La stampa internazionale lo ha definito uno degli esordi letterari più riusciti dell’anno, un romanzo commovente con una protagonista in cui tutti possono riconoscersi e che “resta attaccato alla nostra pelle”. L’autrice è la giovane scozzese Gail Honeyman e il romanzo, dal titolo che non passa certo inosservato, è “Eleanor Oliphant sta benissimo” (Garzanti, pp 352, euro 19,90).

“Non bado agli altri” racconta Eleanor, la protagonista del romanzo. “So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché io dico sempre quello che penso. Ma io sorrido. Ho quasi trent’anni e da nove lavoro nello stesso ufficio. In pausa pranzo faccio le parole crociate. Poi torno a casa e mi prendo cura di Polly, la mia piantina: lei ha bisogno di me, e io non ho bisogno di nient’altro. Perché da sola sto bene.
Solo il mercoledì mi inquieta, perché è il giorno in cui arriva la telefonata di mia madre. Mi chiama dalla prigione. Dopo averla sentita, mi accorgo di sfiorare la cicatrice che ho sul volto e ogni cosa mi sembra diversa. Ma non dura molto, perché io non lo permetto.
E se me lo chiedete, infatti, io sto bene. Anzi, benissimo.
O così credevo, fino a oggi.
Perché oggi è successa una cosa nuova. Qualcuno mi ha rivolto un gesto gentile. Il primo della mia vita. E all’improvviso, ho scoperto che il mondo segue delle regole che non conosco. Che gli altri non hanno le mie paure, non cercano a ogni istante di dimenticare il passato. Forse il «tutto» che credevo di avere è precisamente tutto ciò che mi manca. E forse è ora di imparare davvero a stare bene. Anzi: benissimo.”

In corso di pubblicazione in 35 paesi, il romanzo è l’esordio più venduto di sempre in Inghilterra, dove è da più di un anno in cima alle classifiche. Ha anche vinto il Costa First Novel Award e presto diventerà un film. Una storia di resilienza, di forza, di dolore e di speranza.

Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman lo trovi alla LIBRERIA FELTRINELLI di Euroma2!