Consigli su come proteggere gli animali dal freddo

I dieci rimedi per tutelare cani e gatti dagli sbalzi di temperatura

Gli animali, come noi, risentono dei cambi di temperatura e devono essere adeguatamente protetti, sia d’estate che d’inverno. Ogni animale ha delle esigenze specifiche che bisogna tener presenti quando il clima cambia.

La Lega Nazionale per la Difesa del Cane ha diffuso dieci consigli su come proteggere i nostri amici a quattro zampe dal freddo dei rigidi mesi invernali.

Ecco quindi alcuni piccoli accorgimenti per assicurare il benessere dei cani e dei gatti.

Innanzitutto è importante tenere presente che i cani di taglia grande mantengono il calore per molto più tempo, grazie ad una maggiore massa corporea che li isola e poiché sono in grado di generare più o meno sottopelo a seconda di quanto è necessario per sopportare le basse temperature, come il Siberian Husky e il San Bernardo; mentre le taglie più piccole, le razze a pelo corto, come il Chihuahua, il Bulldog Francese o lo Yorkshire, e quelli che non hanno particolare massa corporea, per aiutarli a mantenere il calore, necessitano di un trattamento speciale.

Bisogna avere poi particolare cura per animali anziani e/o malati, che vanno maggiormente protetti dalle intemperie e non devono essere lasciati all’aperto, soprattutto nelle ore notturne quando le temperature calano bruscamente. Durante la stagione invernale purtroppo si registrano numerosi decessi di cani per il peggioramento di malattie croniche o la poca protezione dal freddo.

In alcune regioni, il numero di cani e gatti randagi è davvero elevato, quindi è buona abitudine mettere una ciotola di cibo e di acqua fuori dai negozi o dalle abitazioni.

La Difesa del Cane lancia inoltre un appello per gli ospiti di canili e gattili: se avete vecchie coperte, piumoni, asciugamani, lenzuola e indumenti usati, invece di buttarli, portateli al Rifugio più vicino.

Ecco quindi dieci consigli per migliorare o preservare la vita del vostro animale.

Per prima cosa è importante una alimentazione adeguata, in particolare nei mesi invernali. Il motivo è che, con l’abbassarsi delle temperature, anche loro, come noi, bruciano più calorie. Per i gatti che vivono all’aperto, bisogna prevedere una dieta ricca di nutrienti, grassi e proteine, dall’elevato profilo qualitativo, che consenta di non perdere peso utilizzando le riserve corporee come “carburante” per riscaldarsi.

Secondo punto è un riparo idoneo, per quegli animali che vivono all’aperto. Anche loro infatti devono avere un luogo asciutto e riparato dalle correnti dove dormire e rifugiarsi. La cuccia va messa a qualche centimetro da terra, se possibile con l’ingresso rivolto in direzione opposta a quella in cui solitamente soffia il vento.

Sul pavimento della cuccia è bene mettere una coperta di lana, che dovrà essere regolarmente cambiata, soprattutto dopo che ha piovuto. In caso di molto freddo, è preferibile coibentare la cuccia con materiali ecologici, ad esempio le schiume a base di ricino, soia, zuccheri.

Il vostro amico a quattro zampe necessita di una cura costante, va quindi spazzolato con regolarità per stimolare la circolazione sanguigna e un adeguato riciclo del sottopelo. Inoltre, se sono usciti durante un temporale o una nevicata e si sono bagnati è importante asciugarli bene, soprattutto le zampe e tra le dita, dove possono rimanere i cristalli di ghiaccio che potrebbero contenere sostanze tossiche presenti nelle soluzioni antigelo, dannose per l’animale. Anche il sale può creare serie irritazioni ai polpastrelli, quindi per sciogliere il ghiaccio su marciapiedi e viottoli sarebbe opportuno usare prodotti pet friendly. In ogni caso è buona abitudine pulire i polpastrelli con una pezza umida per rimuovere eventuali residui di neve, ghiaccio e/o prodotti chimici e asciugare con cura.

Non dimenticare poi che una ciotola dell’acqua all’esterno può congelarsi, quindi va cambiata con regolarità e sarebbe preferibile non usare recipienti in metallo, perché conduce il freddo più rapidamente.

Mai lasciare un cane incustodito in auto, sia d’estate, per pericolo di soffocamento, ma anche d’inverno, poiché il veicolo potrebbe trasformarsi in una sorta di frigorifero, soprattutto durante le ore serali, causando l’ipotermia o il congelamento dell’animale. È opportuno mettere sempre qualche coperta in macchina, in caso di emergenza, per riscaldarlo o asciugarlo.

Non lasciare mai un cane incustodito in garage. L’antigelo può essere fatale per gli animali, anche in piccole quantità. Nel caso in cui il vostro animale ne ingerisse, va portato urgentemente dal veterinario, possibilmente con la confezione del prodotto.

Inoltre, non bisogna mai lasciare il cane in garage quando si accende l’auto, poiché il monossido di carbonio potrebbe essergli fatale.

Non vanno mai lasciati incustoditi apparecchi elettrici, ovvero eventuali stufette portatili, cuscinetti termici, scaldini elettrici eccetera, perché nel caso in cui cani, gatti e conigli masticassero i cavi elettrici, potrebbero essere fulminati.

Inoltre anche se molti amano giocare e rotolarsi nella neve, il cane potrebbe perdere le tracce di odore e smarrirsi facilmente, quindi è bene tenerlo al guinzaglio.

Ultimo accorgimento: fate attenzione quando state per salire in macchina agli animali che si rifugiano sotto le automobili, per riscaldarsi con il caldo del motore dalle basse temperature.

Al piano terra di Euroma2 è presente il negozio di animali My Pet, dove poter trovare tutti gli accessori utili per i gli amici animali.

Stanchezza e influenza? Ecco 5 armi naturali

Mantenere il buon umore, combattere la stanchezza ed evitare di cadere vittima del picco influenzale: sono le nostre missioni principali in questo periodo dell’anno. Cosa fare, quali misure davvero efficaci possiamo adottare? La natura mette a disposizione dei preziosi alleati per superare l’inverno in piena salute, contrastando in modo naturale il cattivo umore e le giornate più fredde.

La dott.ssa Annamaria Acquaviva – dietista e nutrizionista del California Prune Board in Italia, consorzio che riunisce 800 coltivatori e 29 confezionatori di prugne provenienti dalla California sotto l’autorità del California Secretary of Food and Agriculture – ha identificato cinque nutrienti alleati per rafforzare le nostre difese durante l’inverno e favorire il recupero energetico a partire dalla tavola:

1. Fibre alimentari
È noto che un’alimentazione ricca di fibre è importantissima nella prevenzione di malattie cardiache, diabete e tumori. Inoltre le fibre favoriscono il controllo dell’assorbimento di grassi e zuccheri nel sangue. Contrastare i picchi di zucchero è importante per favorire la lucidità e l’energia mentale. Le Prugne della California sono un’eccellente fonte di fibre3, con un apporto di circa 7g/100g, ossia quasi un quarto della quantità quotidiana raccomandata. Come parte di una dieta sana e bilanciata e di un corretto stile di vita, mangiare quotidianamente 100 grammi di Prugne della California (circa 8-12) contribuisce al normale funzionamento dell’intestino. Tre Prugne della California al giorno costituiscono una delle cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura: non risentono della stagionalità e rappresentano un modo facile e pratico per aumentare l’assunzione di frutta e verdura nella dieta, soprattutto in inverno, quando reperire prodotti vegetali è un po’ più difficile.

2. Fermenti lattici
Sono presenti principalmente in alimenti fermentati a base di latte, come ad esempio lo yogurt o il kefir. Quest’ultimo, in particolare, è un alimento privo di lattosio che può essere consumato anche da tutti coloro che presentano difficoltà nel digerire questo zucchero. Il kefir è una bevanda che si consuma abitualmente in Asia Sud-Occidentale e in Europa Orientale e si ottiene dalla fermentazione di lieviti e batteri lattici. La versione più conosciuta di questo alimento è quella a base di latte. In questo caso, i grani di kefir vengono aggiunti a latte vaccino o vegetale, dando vita a una bevanda dal gusto delicato e particolare.

3. Omega 3
Per un organismo in salute durante la fase invernale non possono mancare in tavola gli alimenti che sono fonti di acidi grassi della serie omega 3, questi modulano la funzione del nostro sistema immunitario e riducono le infiammazioni.
Quindi, per favorire le nostre difese e la nostra energia, possiamo fare largo uso di pesce azzurro, che contiene anche calcio e vitamina D, sostanze importanti per la nostra salute. Anche avocado, semi oleosi e frutta a guscio sono fonti di acidi grassi omega 3 e anche di vitamina E, che svolge anche attività antiossidante.

4. Vitamine del Gruppo B e C
Per mantenere alti i livelli di energia dell’organismo e, di conseguenza, anche dell’efficienza cerebrale e della concentrazione, è necessario che la propria alimentazione sia ricca di alimenti che apportano il giusto quantitativo di vitamine del gruppo B, come la vitamina B1 (o tiamina) – presente soprattutto nei cereali integrali, nei legumi, nel germe di grano, nella frutta a guscio, nel fegato e nella carne suina. La vitamina B6 si trova nel germe di grano, nel fegato, in carne e pesce, nei cereali integrali e in alcuni frutti quali banane e avocado. 
La vitamina B9, o acido folico, si trova in alimenti come verdure a foglia verde, legumi e cereali integrali. Infine, la vitamina B12 è presente in tutti gli alimenti di origine animale: come latticini, carne, molluschi, fegato.
Altri importanti micronutrienti da non far mai mancare all’organismo sono i flavonoidi (carotenoidi e antocianine) e la vitamina C. La vitamina C si trova soprattutto nei kiwi, negli agrumi, nel ribes, negli ortaggi a foglia verde, nei peperoni, nei pomodori e nelle patate.

5. Metilxantine
Per stimolare il cervello ad essere attento, vigile e reattivo e mantenere alto il tono dell’umore, un buon alleato può essere il cioccolato, fonte soprattutto di teobromina, una metilxantina che ha la proprietà farmacologica di tenere svegli e di favorire la concentrazione, non facendo sentire la fatica.
 Uno o due quadratini di fondente al giorno, inteso come snack o spuntino per appagare il palato e concedere all’organismo una sferzata di energia, sono un ottimo alleato per affrontare le giornate invernali più impegnative. Mangiare cioccolato permette di secernere maggiori quantitativi di serotonina, detto anche l’”ormone della felicità”, quindi promuove uno stato d’animo sereno e positivo. Altre metilxantine sono la caffeina – contenuta nel caffè – e la teofillina – contenuta nel tè, entrambe sostanze che regolano le funzionalità del sistema nervoso centrale, del sistema cardiovascolare e del sistema endocrino: favoriscono lo sprint energetico nell’organismo se li assumiamo in modo equilibrato, evitando gli eccessi.

 

Arance e mandarini ed è subito aria di festa

Brividi e starnuti in agguato? È l’inverno che comincia a bussare e a ricordarci che bisogna fare qualcosa per prevenire e contrastare i classici malanni di stagione. La soluzione più naturale? Fare scorta di vitamina C. E allora, quali migliori alleati per la nostra salute se non le arance e i mandarini? Profumati e gustosi, con quel loro tipico colore arancio simbolo delle feste e la sensazione di freschezza che lasciano in bocca se consumati a fine pasto.

Il comune denominatore degli agrumi è la vitamina C, dalle ben note proprietà antiossidanti, che protegge dalle infezioni, previene attivamente il cancro allo stomaco, e riduce, grazie alla pectina, il colesterolo “cattivo”. Un paio di questi frutti al giorno sono in grado di fornire oltre il 100% della dose giornaliera raccomandata di vitamina C senza bisogno di assumere nessun tipo di integratore alimentare. La vitamina C assorbita dalle cellule andrà inoltre ad essere utilizzata come difesa immunitaria, uno scudo naturale che previene efficacemente influenze e virus intestinali.

L’offerta di agrumi in questo periodo dell’anno è molto ampia: che si tratti di mandarini King, di clementine o di arance Tarocco, nella scelta fate sempre attenzione alla scorza che non deve presentare parti molli né muffe. Per quanto riguarda la conservazione l’ideale è lasciarli all’aperto: in questo modo potranno mantenersi anche 2–3 settimane. Se non ne avete la possibilità, conservateli a temperatura ambiente (durata circa una settimana) o in frigorifero (durata circa 2-3 giorni).

Mangiati al naturale arance e mandarini sono ottimi sempre, ma possiamo senz’altro consumarli in molti altri modi. Le arance spremute offrono una bevanda deliziosa e davvero sana per la colazione. Sono così ricche di vitamina e di potassio che caricano di energia istantanea sin dalla prima mattina. Nelle insalate di frutta e nelle macedonie, mischiate ad altri frutti di stagione, le arance si combinano magnificamente. Provatele anche nelle insalate verdi, di pollo e di riso. Gli spicchi, se tagliati in 3-4 pezzetti e aggiunti alla vostra insalata, magari insieme a qualche gheriglio di noce, conferiranno un piacevole sapore fresco e acidulo al piatto. Le arance sono ottime anche nelle pietanze. Il loro impiego nelle cotture del manzo e del maiale è ormai diffuso nella nostra cucina. E c’è poi l’anatra: chi non ha mai sentito parlare di anatra all’arancia?

 

Flyroam, il boot sportivo firmato Timberland

Le sneaker si evolvono e incontrano sempre più i gusti e le esigenze di un pubblico non soltanto sportivo. Puntando su un design elegante e dallo stile molto versatile, Timberland ha sviluppato la collezione Flyroam che dopo le proposte della capsule per la primavera svela ora i nuovi modelli per l’autunno.

Punto forte delle Timberland Flyroam è un sistema di ultima generazione, AeroCore, un’innovativa tecnologia che pone l’accento su leggerezza e flessibilità. Il sistema è abbinato a una resistente intersuola che utilizza la gomma solo nei punti di contatto con il suolo.

La suola, ultraleggera, offre comodità e ammortizzazione ma garantisce anche durevolezza grazie ai materiali impiegati. La comoda imbottitura interna, abbinata all’intersuola resistente, consente inoltre la massima libertà di movimento.

Grazie alle linee sagomate in modo aerodinamico, al suo stile minimal e alla sobria gamma di colorazioni urban disponibili, la Timberland Flyroam si presta ad essere abbinata a qualsiasi look, rivelandosi un perfetto boot sportivo per la città.

Vieni a scoprire e provare le Flyroam per l’autunno 2017 allo store TIMBERLAND di Euroma2