Riapertura dei Musei a Roma

Dalla settimana del 18 Maggio la ripartenza dei grandi poli museali di Roma con ingressi contingentati

I luoghi dell’arte tornano ad esporre le loro meraviglie a Roma e puntano a ridiventare palestre di formazione per i più giovani. Un segnale positivo, che indica un graduale ritorno alla normalità, quello della riapertura dei Musei. I grandi centri espositivi della capitale aprono i battenti dopo il periodo di lockdown, per permettere l’ingresso al pubblico in modo contingentato. I lavori di sanificazione dei giorni scorsi si sono conclusi e la ripartenza comincia anche dall’arte e dalla cultura: si comincia dalla Galleria Borghese. Il Museo ha fissato un numero limite di 40 visitatori per ogni piano, per totale di 80 visitatori per turno. Una necessità, questa, che diventa un’occasione straordinaria e irripetibile per ammirare le sale apprezzandone le meraviglie in piena tranquillità.

Le visite, solo su prenotazione a partire da lunedì 18 maggio, si svolgeranno secondo l’orario consueto dal martedì alla domenica dalle ore 9:00 alle 19:00.

La Biglietteria e il Bar erano già stati spostati esternamente nei mesi scorsi, per lavori di ristrutturazione, perciò non ci sarà pericolo di assembramenti e la fila per entrare sarà esterna all’edificio, con la possibilità di attendere il proprio turno nell’incantevole cornice di Villa Borghese.

I Musei sono pronti a diventare luoghi di formazione per i giovani studenti, che in questo momento non possono frequentare fisicamente le Scuole, ma potranno comunque approfondire, laddove desiderano, gli argomenti di loro interesse attraverso visite culturali.

Anche il MAXXI, il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, sta valutando le modalità e i contenuti della riapertura: la ripartenza sarà graduale, con una sola Galleria.

Per le prime due settimane si sta valutando di aprire solo nel weekend, nei giorni di venerdì, sabato e domenica.

È già possibile acquistare online uno speciale biglietto “open”, che sarà valido fino al 31.12.2020, un’iniziativa “solidale” in questo momento difficile per tutti.

La mostra proposta è quella che era stata interrotta, su un’importante figura di spicco dell’arte e dell’architettura italiana, Gio Ponti, che realizzò, tra le altre cose, un edificio simbolo della città di Milano, il Grattacielo Pirelli, detto il Pirellone, sede del Consiglio Regionale della Lombardia. Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico, artista a 360º, Gio Ponti è protagonista di una attenta ricostruzione e analisi storico-critica della sua produzione in occasione del quarantennale.

Roma, Museo del Maxxi 26 11 2017
OPENING: GIO PONTI. AMARE L’ARCHITETTURA
a cura di Maristella Casciato, Fulvio Irace con Margherita Guccione, Salvatore Licitra, Francesca Zanella
©Musacchio/Ianniello/Pasqualini

La mostra offre un percorso che accompagna lo spettatore tra i disegni di oggetti d’uso quotidiano fino all’invenzione di soluzioni spaziali per la casa moderna. Viene affrontata anche tutta la parte legata alla realizzazione di progetti complessi calati nel contesto urbano, come il già citato grattacielo Pirelli a Milano o la moderna cattedrale di Taranto. La progettualità di Ponti si caratterizza proprio per la capacità di passare in modo disinvolto dai progetti su piccola scala a quelli più imponenti.

La mostra propone materiali archivistici, modelli, fotografie, libri, riviste e oggetti che permettono di scoprire i tratti salienti di un grande protagonista dell’architettura italiana, i cui lavori internazionali ne testimoniano il grande contributo.

 

La missione del MAXXI del prossimo anno si caratterizza per il carattere sociale, denominata MAXXI TEEN e tutta dedicata ai ragazzi delle scuole medie e superiori (dai 14 ai 18 anni), che possono andare con i loro pc a seguire le lezioni di Scuola direttamente dal Museo e restare nel pomeriggio per frequentare dei laboratori di qualità

 

Indirizzi:
Galleria Borghese
Piazzale Scipione Borghese 5, Roma – www.galleriaborghese.beniculturali.it

MAXXI
Via Guido Reni 4A, Roma – www.maxxi.art

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *