Marcello Mastroianni, una mostra tra parentesi

Ci sono ancora 4 settimane per godersi una delle più belle mostre fotografiche attualmente in programmazione nella Capitale. L’esposizione, ospitata dal Museo dell’Ara Pacis si intitola “Una vita tra parentesi” ed è interamente dedicata alla straordinaria carriera di Marcello Mastroianni.

da “Matrimonio all’italiana”, 1964

Il titolo fa riferimento alla definizione che lo stesso Mastroianni amava dare della sua vita, una vita fatta di parentesi tra un set e l’altro, tra un palcoscenico e l’altro, lungo una carriera costellata di film, spettacoli, personaggi.

da “Giorni d’amore”, 1954

L’esposizione ripercorre le tappe principali della carriera di Mastroianni, dagli esordi con Riccardo Freda nel 1948 alla collaborazione con Federico Fellini, di cui diventò un vero e proprio alter ego. Più di cento film tra gli anni Quaranta e la fine dei Novanta, e molti riconoscimenti internazionali: tre candidature all’Oscar come Miglior Attore, due Golden Globe, otto David di Donatello, due premi per la migliore interpretazione maschile al Festival di Cannes e due Coppa Volpi al Festival di Venezia.

Mastroianni e Fellini dal set di “La città delle donne”, 1980 – Cineteca Bologna Reporters Associati e Archivi

La mostra raccoglie i suoi ritratti più belli, i cimeli e le tracce dei suoi film e dei suoi spettacoli, alternando immagini e racconti e immergendo lo spettatore in quello che è stato ed è ancora il più conosciuto volto del cinema italiano. Un percorso attraverso scritti, testimonianze, recensioni, oltre a un raro apparato fotografico che ritrae l’attore come non siamo abituati a ricordarlo, sul palco, vicino agli altri grandi nomi che hanno fatto la storia del teatro italiano, da Vittorio Gassman a Rina Morelli, da Paolo Stoppa a Eleonora Rossi Drago.

“La dolce vita”, 1960 – Cineteca Bologna Reporters Associati e Archivi

Cinema e teatro, le due anime di uno degli attori più importanti del nostro cinema, sono raccontate in dialogo costante grazie ai materiali conservati dalla Cineteca di Bologna, dallo stesso Mastroianni e da numerosi altri archivi (da quello dell’Istituto Luce a quello della Rai) con i quali è stato costruito questo percorso privilegiato che accompagna lo spettatore attraverso cinquant’anni di cultura e costume italiani.

> fino al 17 febbraio 2019
“Una vita tra parentesi”
Museo dell’Ara Pacis
Lungotevere in Augusta (angolo via Tomacelli)
Roma

info e biglietti:
www.arapacis.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *